Un Artista ad Arte Fiera

Il fiorentino Antonio Lo Pinto commenta per noi la sua visita bolognese.

Intervista con Antonio Lo Pinto, noto artista di Firenze, animatore dello spazio culturale C2, di ritorno da Arte Fiera a Bologna.

Le tue impressioni su questa 41 edizione della rassegna curata quest’anno da Angela Vettese.
Tre Premesse:
1) Angela Vettese: la nuova Curatrice della 41nesima edizione di Arte Fiera è una seria e stimata professionista (critica, curatrice, editorialista) apprezzata da tutti gli addetti ai lavori.
2) Organizzare Arte Fiera non è per nessuno cosa semplice, in un paese come il nostro che vive un momento economico-politico che definire grave rischia di essere un eufemismo.
3) Arte Fiera è e rimane la più importante fiera d'arte italiana tuttora in buona forma.
Detto questo non ho registrato significativi cambiamenti in questa nuova edizione. Un pò di "selezione", nel senso che non sono state accettate alcune gallerie ma le motivazioni mi sfuggono, non erano presenti anche gallerie storiche e anche per questo non ho spiegazioni certe. E' diminuita la presenza di gallerie straniere e questo è il dato che salta agli occhi. Non è un bel segnale. Ad Artissima a Torino il 70% delle gallerie sono straniere... quindi la latitanza ad Arte Fiera delle gallerie straniere non è imputabile alla sfiducia, motivata, dell'economia italiana.

Le Gallerie che ti hanno convinto di più.
Mi ha sorpreso che le vendite sono andate abbastanza bene. Il numero dei visitatori è un importante segno che c'è una domanda di informazione e attenzione per le fiere d'arte in generale e per arte Fiera in particolare.
Io vado sempre volentieri ad Arte Fiera, è un modo per vedere molte gallerie con artisti storici e emergenti, incontrare addetti ai lavori, collezionisti, giornalisti, critici, curatori, amici vecchie e nuovi…
Inoltre Bologna nei giorni della fiera offre molte e variegate possibilità. Tante le iniziative, fiere minori con giovani gallerie, inaugurazioni nei musei e spazi pubblici e privati...

Antonio Lo Pinto

 

Facciamo un gioco. Ti chiamano a dirigere Arte Fiera. Tre mosse che faresti…
Inglobare in Arte Fiera tutto lo "spirito"del movimento esterno che gravita in città. Facendo diventare questa fiera non solo una vetrina per le gallerie storiche...
All'interno di arte fiera distinguere tre sezioni:
1) gallerie storiche italiane e straniere che propongono artisti di fama internazionale con valori economici alti e altissimi.( questa sezione avrà stand con prezzi diversi dalle altre due sezioni, più alti)
2) gallerie giovani italiane e straniere che propongono artisti con valori economici ridotti. per un pubblico più giovane.
3) una sezione aperta alle numerose e interessantissime realtà italiane e straniere che non si riconoscono nella veste della galleria ma che si definiscono in millemodi diversi, un pò com'è la realtà di C2contemporanea.
Questa è la vera novità che propongo! negli ultimi anni si stanno definendo con maggior insistenza e fantasia nuove formule di promozione dell'arte contemporanea che sfuggono ai tradizionali ruoli di galleria/gallerista. Sono spesso realtà che riescono ad intercettare le vere novità nel settore con il contributo di artisti giovani e con esperienze stimolanti che rappresentato comunque un interesse economico da parte di un pubblico che si riconosce in questo mondo alternativo alle grandi gallerie, ai grandi nomi di artisti che per valori economici sono inarrivabili.
Intenderei far diventare Arte Fiera una vera festa dell'arte in tutte le possibili componenti. Un momento dedicato al mercato ma non solo... certamente lo sforzo organizzativo si raddoppia, occorrono dei collaboratori specifici che affiancano la direttrice ma.... il gioco varrebbe in la candela. Penso a tre differenti prezzi per l'affitto degli stand. Non tutti si possono permettere 40/50 mila euro per una fiera... e penserei a dare la possibilità ai vari tipi di pubblico di poter comprare un'opera a 50/100 euro come a un milione di euro...

Nella stessa categoria:

martedì 22 novembre 2016

KLIMT Experience

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it