La Grande Bellezza? Spesso è Nascosta…

Oltre Uffizi, Accademia e Palazzo Vecchio, un viaggio diverso nei segreti di Firenze.

Luoghi e opere meno celebrati, ma non meno affascinanti. Nostri complici in questo itinerario speciale Marcella Cangioli, storica dell’arte e presidente dell’associazione Città Nascosta e il giornallsta e storico Marco Ferri. Prendete appunti!

Cominciamo con un breve itinerario alla ricerca di luoghi insoliti e da scoprire a Firenze. Partiamo dal Giardino delle rose, attiguo a Piazzale Michelangelo, che accoglie le sculture di Jean-Michel Folon e da cui si gode una magnifica vista sulla città. Poco lontano, sorge la Torre San Niccolò, l’unica fra le tre superstiti della cerchia muraria del XIII secolo ad aver mantenuto l’altezza originaria. Sempre sulla riva sinistra dell’Arno, meritano una visita il giardino di Villa Bardini, con i suoi quattro ettari di parco e una scenografica scalinata barocca e il Kaffeehaus del Giardino di Boboli. Situato in prossimità del cancello verso il Forte Belvedere, è affrescato con vedute illusionistiche corredate di statue, fontane su sfondi di verzura e copertura a finto pergolato. Poco più in là, il Museo delle Carrozze di Palazzo Pitti, raccoglie la collezione di carrozze dei Lorena e dei Savoia, mentre gli affreschi della Cappella Brancacci della Chiesa di Santa Maria del Carmine, possono concludere questa nostra puntatina nella rive gauche fiorentina.

Attraversato l’Arno da Ponte alle Grazie, ci accoglie il Museo Horne, casa arredata con antichi pezzi di arredamento che accoglie capolavori di pittura e scultura e, vicino, un altro luogo denso di storia: l’Oratorio di Santa Maria Vergine della Croce al Tempio in via San Giuseppe, dove sorgeva la chiesetta in cui, dalla seconda metà del 1300 fino al 1529, i condannati a morte recitavano la loro ultima preghiera per essere poi sepolti nel cimitero attiguo.
Proseguendo verso il centro città, da scoprire nella Basilica di Santa Trinita il monumento funebre di Benozzo Federighi di Luca della Robbia e Il Sacello del Santo Sepolcro di Leon Battista Alberti: situato nella Cappella Rucellai, fu commissionato da Giovanni di Paolo Rucellai come copia del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Sui viali, in piazza Donatello, nei pressi di quella che era la Porta Pinti, il Cimitero degli inglesi che, si dice, ispirò L’isola dei morti, celebre dipinto di Arnold Böcklin che qui seppellì la figlia morta a soli sette mesi. Proseguendo in via Cavour, si può visitare il Chiostro dello Scalzo, atrio della cappella della Compagnia dei Disciplinati affrescato da Andrea del Sarto.
E per concludere, se si ha la fortuna di poter usufruire di uno dei rari momenti di visita, un viaggio nella Firenze sotterranea delle fognature storiche: 1200 km di acquedotto e 800 di rete fognaria, immagini di un tempo antico. Con ingresso dalla Porta alla Croce in piazza Beccaria, si apre un labirinto con architetture e coperture a volta e a mattoni e, addirittura, con le indicazioni stradali risalenti all’epoca di Firenze capitale e alle trasformazioni dell’architetto Poggi.

Giovanna Focardi Nicita

Le 20 opere più interessanti:

Cappella Brancacci

 

1 - Gli affreschi della Cappella Gondi in Santa Maria Novella. Pza Santa Maria Novella 18

2 – Sempre a Santa Maria Novella, l’affresco quattrocentesco scoperto casualmente nel 2004 dentro la cornice del sesto altare della navata destra, poco prima della Cappella della Pura. Pza Santa Maria Novella 18

3 – La Collezione islamica del Bargello. Via del Proconsolo 4

4 - Il vero profilo di Dante Alighieri scoperto nel 2004 nell'antica sede dell'Arte dei Giudici e Notai. Ristorante Fishing Lab. via del Proconsolo 16r

5 - Gli affreschi attribuiti alla scuola di Giotto nella chiesa di San Pierino in Palco. Pza Cardinale Elia dalla Costa, 17

6 - Un'antica Annunciazione dipinta in una nicchia a cuspide nella sala delle adunanze dell'Arte dei Vaiai e Pellicciai. Oggi sede dell'Ufficio Catalogo degli Uffizi, via Lambertesca 6

7 - Una curiosa scultura in pietra visibile nell'androne di Palazzo Degli Alessandri. Borgo Albizzi 15

8La Storia di Filippo Rinaldeschi di Filippo Dolciati conservata nel Museo Stibbert. via di Montughi 9

9 - La grande tavola raffigurante La discesa di Cristo al Limbo dipinta dal Bronzino nel 1552 nel Museo dell'Opera in Santa Croce. Sala IV (Cenacolo), pza Santa Croce 16

10 - Nel Museo di Storia naturale in Palazzo Non Finito, una mummia naturale inca che ricorda la figura dipinta da Edvard Munch nel celebre quadro L'urlo. via del Proconsolo 12

Croce di Giotto nella Chiesa di Ognissanti

 

11 - Croce dipinta di Giotto. Chiesa di Ognissanti, Borgo Ognissanti 42

12 - Maddalena penitente di Donatello. Opera di Santa Maria del Fiore, sala della Maddalena, via della Canonica 1

13 - Crocifisso ligneo di Michelangelo Buonarroti. Basilica di Santo Spirito, Sacrestia, pza Santo Spirito 30

14 - Deposizione del Pontormo. Chiesa di santa Felicita, Cappella Capponi, pza Santa Felicita 3

15Pitture murali e stucchi di Pietro da Cortona. Palazzo Pitti, Galleria Palatina, Sale dei Pianeti, Piazza de' Pitti 1

16 - Storie dell’Odissea di Alessandro Allori. Palazzo Portinari Salviati, Cortile degli Imperatori, via del Corso 6

17Collezione Contini Bonacossi. Via Lambertesca 6

18 - Ultima cena di Giorgio Vasari. Opera di Santa Croce, piazza Santa Croce 16

19 - Sposalizio della Vergine (detta Pala Ginori) di Rosso Fiorentino. Basilica di San Lorenzo, piazza San Lorenzo 9

20 - Senza Titolo 1988 di Daniela De Lorenzo. Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella 10

e i 20 luoghi da scoprire...

Museo di Palazzo Martelli

 

1 – In Battistero una grata davanti all’altare lascia intravedere i sotterranei che ospitano gli scavi dell’antico edificio romano.  Non facilmente visitabili. Battistero di San Giovanni, piazza San Giovanni

2 - La controfacciata della Basilica di San Lorenzo, realizzata da Michelangelo. Piazza San Lorenzo 9

3 - Il cosiddetto Deposito del Rondò di Bacco, dal nome del teatro che lo sovrasta. Palazzo Pitti, piazza de' Pitti 1

4 - La Chiesa di San Donato in Polverosa. Anticamente chiamata di San Donato alla Torre, nel 1088 fu scelta come luogo di partenza dei crociati fiorentini per la terza crociata bandita da papa Gregorio VIII. via di Novoli 31

5 - La chiesa di San Jacopo in Campo Corbolini. Via Faenza 43

6 – Il Museo di Palazzo Martelli. Nelle cantine i resti di un antico frantoio. via Ferdinando Zannetti, 8

7 – Il ballatoio del Duomo, la sola parte della Basilica rimasta incompiuta. Cattedrale di Santa Maria del Fiore, piazza del Duomo

8 - Il sottotetto della Chiesa di San Marco. Piazza San Marco

9 – La chiesa del Conservatorio di Santa Maria degli Angeli. via della Colonna 32

10 – I mezzanini della Muletta in Palazzo Pitti che prendono il nome dal bassorilievo marmoreo murato in fondo al loggiato dedicato alla infaticabile mula che aveva aiutato gli operai durante i lavori. Piazza de’Pitti 1

Cimitero dei Pinti

 

11 - Archivio storico dell’Istituto degli Innocenti. piazza della Santissima Annunziata 12

12 - Gipsoteca del Liceo artistico di Porta Romana. piazzale Porta Romana 9

13 - Museo di Santo Stefano al Ponte. piazza Santo Stefano al Ponte 5

14 - Cimitero dei Pinti. Via degli Artisti con ingresso da piazza Conti

15 - Istituto agronomico per l'Oltremare. Via A. Cocchi 4

16 - Granaio Mediceo o Magazzino dell'Abbondanza. Caserma Cavalli, via del Tiratoio 1

17 - Matronei del Battistero. Battistero di San Giovanni, piazza del Duomo

18 - Stazione ferroviaria di SM Novella di Giovanni Michelucci e Gruppo toscano. Piazza Santa Maria Novella

19 - Villa la Quiete. Via di Boldrone 2

20 - Palazzo Corsini. Via del Parione 11

Nella stessa categoria:

mercoledì 03 maggio 2017

La Toscana dei di Volo

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it