Pianeta Cibreo

Firenze, Sant’Ambrogio, esterno giorno e notte: una passeggiata tra i luoghi culto - ultimo nato C.Bio - del più gustoso e autentico pianeta gastronomico in città.

Cibreo Ristorante - L’8 settembre 1979 lo chef Fabio Picchi aprì il Cibrèo, chiamandolo come uno dei piatti della tradizione fiorentina (nel linguaggio popolare “un insieme di cose buone”). Diventò presto “il ristorante” di Firenze, perfetto per conoscere la cucina del territorio. Lo chef, insieme ai figli e a molti collaboratori che fin dall’inizio di “questa scelta di vita” sono con lui, ha sempre lavorato con contadini, pescatori, pastori, allevatori di animali rispettati ed amati. Passione per l’olio e per le vigne di partigiano della toscanità che tuttavia accoglie nella sua cantina perle da tutto il mondo.

Cibreo Trattoria - Nello stesso giorno aprì anche la trattoria che i fiorentini chiamano da sempre “Cibrèino” o scherzosamente “Cibrèo dei poveri”. Menù sostanzioso con atmosfera e servizio più informali del ristorante e costo inferiore.

Cibreo Caffè - Nel 1989 Fabio Picchi apre il Cibrèo Caffè, diretto oggi con cuore e passione insieme al ristorante da Giulio Picchi, uno dei figli. Caldo, accogliente, apre al mattino con fantastiche brioche e prosegue a pranzo con piatti e insalate stagionali a prezzi contenuti. A cena il menù si allarga a carni da allevamenti bio.

Cibleo - Il 14 gennaio 2017 la famiglia Picchi apre il minuscolo Ciblèo con straordinari collaboratori che, seguendo i principi alchemici della golosità dello chef, producono menù di cucina tosco-coreanogiapponese-cinese. Al suo bancone piatti che non si trovano da nessun’altra parte del mondo: piccantezze coreane e yuzu kosho e olio d’oliva dei colli fiorentini insieme! Che buona idea!

C.BIO - Dall’8 settembre 2017 una bottega-mercato con panificio, gastronomia e pasticceria. Formaggi di rara fattura e produzioni agricole e biologiche. Sulla magnifica terrazza piante antiche e sementi non ibride. Un negozio di quartiere, che si allea con il Mercato di Sant’Ambrogio dove C.BIO ha un banco di macelleria e uno di pane-latte-pasta. “Una bottega per tutta la città e di tutta la città”.

Teatro del sale - Un circo-lo culturale che prevede per statuto la passione per la vita sia che si parli di teatro, musica o della necessaria convivialità del cibo. È nato nel 2003 quando Maria Cassi, che ne è la direttrice artistica, maturò questa idea insieme a Fabio Picchi. Un luogo per riposare, per un pranzo di lavoro o essere turisti curiosi della città. La sera, dopo un pantagruelico buffet, spettacolo con artisti di tutto il mondo che cantano, suonano, recitano…e dove si ride a crepapelle o ci si emoziona con la straordinaria vis comica e con la voce altamente musicale della Cassi. È un luogo dove si scopre Giulio Picchi pittore e appassionato artista, dove una famiglia mostra e condivide la sua gioia di vivere.

Cibreo Trattoria - Via de’Macci, 122r - www.cibreo.com
Cibreo Caffè - Via del Verrocchio,5/r
Cibleo - Via del Verrocchio, 2r
C.BIO - Via della Mattonaia, n° 3/A zona Sant’Ambrogio - 055 2479271 - info@cbio.it - orario da lun a sab 8-20 - www.cbio.it - Facebook e Instagram: /cbio
Teatro del sale - Via de’Macci,111/r - www.teatrodelsale.com

Nella stessa categoria:

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it