L’Inverno secondo Tommaso

Metti una sera a cena con la “cucina dei contrasti” a La Buona Novella.

Sempre più spesso ci imbattiamo in una nuova tendenza. In parole povere si tratta di questo: anzichè assecondare gli alimenti e i piatti nella loro classica tradizione, soprattutto i giovani chef amano sperimentare una via diversa. Ovvero “contrastare” appunto la tradizione, componendo e sviluppando i sapori con intriganti accostamenti e unioni. Realizzando così una nuova dimensione di aromi inediti: chiaramente qui entra in gioco il gusto personale del cliente che può stupirsi, apprezzare, ma anche non ritenere interessante tutto questo. Talvolta il disagio è solo su un piatto, mentre su altri scatta il piacere, perfino l’entusiasmo. Come tutte le mode va capita e guardata con la giusta dose di intelligenza e perché no ironia, cogliendo comunque lo stimolo che ci regala per affrontare la novità di una cena fuori scoprendo qualcosa che non sappiamo.

Un interprete convinto e convincente di questa linea è un giovanissimo cuoco fiorentino, Tommaso Calonaci, da quest’anno ai fornelli de La Buona Novella, il ristorante del Grand Hotel Minerva in Piazza SM Novella aperto ovviamente a tutto il pubblico esterno all’albergo e in estate arricchito da un rilassante dehors che fronteggia la Chiesa. L’ingaggio del giovane Calonaci ci è parsa subito una mossa azzeccata, con lui il ristorante, oltre ad un nuovo accattivante nome, ha acquistato un’identità, inserendosi con freschezza nel variegato mondo della “nuova cucina” in riva d’Arno.

La nostra cena più recente ci è piaciuta davvero: ben riuscito il contrasto sapori-alimenti - dolce e salato, croccante e morbido, caldo e freddo – nei piatti provati: Riso Topinambur, Caffè-Rape rosse-Pecorino; I Turanici: Spaghetti Mancini-Cicale di mare-Nocciole-Arancia-Alga nori; Anatra alla brace, Carote-Camomilla-Jus agli agrumi…
Dal menù di stagione altre scelte stuzzicose: Tacos di Agnello-Sedano rapa-Pimenton-Coriandolo-Lime; Ravioli con Coniglio-Maggiorana-Olive taggiasche-Pomodori confit-Polvere di funghi; Ombrina con Scorzonera-Limone-Capperi-Salsa ridotta al cocco. Tra i dolci molte ispirazioni stagionali: dalla Zucca all’Olio extravergine d’oliva alla Mora alla Mela. Audaci, da provare.

Prezzi delle singole portate dai 15 ai 24 euro. Carta dei vini nutrita e variegata.

Cenone di fine anno
Ostriche, scalogno, spuma di patate arrostite e mela verde
Astice blu, carote brasate nel burro, anice stellato
Ricciola, burrata, wasabi, capperi e cialda croccante alle erbe
Polpo alla brace, cavolfiore, lenticchie di Colfiorito, acetosella e melograno
Consommè di funghi
Ravioli alla zucca mantovana, caviale d’aringa, uva e gamberi rossi
Branzino d’amo, cipolle fondenti e salsa dolce-acida
Birra, grano arso e cioccolato
Lingotto al cioccolato e nocciola, sorbetto di passion fruit, sale maldon
Caffè e piccola pasticceria
250 euro a persona

Da segnalare anche che ogni sabato e domenica dalle 16 sono serviti i dolci sapori della Merenda, menu 100% toscano: pane burro e zucchero, pane col vino o con la marmellata, cioccolata in tazza, orzo bimbo, mascarpone&nutella al cucchiaio, caffè della moka e altre gustose chicche che sanno di sano, oltre che di buono. Una calda pausa dallo shopping natalizio per una dolce ricarica!

Grand Hotel Minerva - Piazza S.M. Novella, 16 - info e prenot 055 27230, info@grandhotelminerva.com - www.grandhotelminerva.com

Nella stessa categoria:

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it