Ragionar Cantando alla Rocca della VERNACCIA

Spettacolo di Riondino nel nuovo centro dedicato al celebre vino a San Gimignano.

Domenica 22 ottobre, alle ore 17 il Consorzio della Denominazione San Gimignano, in collaborazione con la Compagnia Giardino Chiuso, ospita nell'aia della Rocca di Montestaffoli davanti a “Vernaccia di San Gimignano Wine Experience” lo spettacolo RAGIONAR CANTANDO Introduzione all’uso dell’ottava rima di e con David Riondino, Enrico Rustici, Chiara Riondino. Ingresso gratuito.

L’ottava rima in Toscana è una tradizione culturale di grande livello, così come la Vernaccia di San Gimignano è il vino bianco autoctono originale della regione.
L'ottava rima nasce nel Trecento dalla tradizione popolare con l’intento di nobilitare con l’improvvisazione poetica il racconto del quotidiano, tanto da renderlo 'epico'. Dal punto di vista letterario ha raggiunto vette altissime con autori come Boccaccio, Ariosto, Pulci, Tasso, Poliziano.
E' quindi coeva della Vernaccia di San Gimignano, di cui possiamo datare la nascita nel Duecento e che ha avuto il suo massimo splendore a partire dal XIV° secolo: la troviamo sulle tavole delle classi dominanti, ambita dal popolo per ciò che rappresenta, ma anche nelle opere dei più grandi poeti e scrittori dell'epoca, da Cecco Angiolieri a Dante, da Boccaccio a Franco Sacchetti, dai francesi Eustache Deschamps e Jean Froissart agli inglesi John Gower e Geoffrey Chaucer, suoi grandi estimatori (e bevitori!).

Un felicissimo e naturale connubio, quindi, quello tra la Vernaccia di San Gimignano e l'ottava rima, che ripropone oggi una tradizione culturale toscana dalle origini antiche e un vino di altrettanto antica tradizione e toscanità, entrambi reinterpretati con linguaggi, mezzi di comunicazione e strumenti moderni e multimediali.

In RAGIONAR CANTANDO David Riondino accompagna gli spettatori in un viaggio nella tradizione insieme a Enrico Rustici e Chiara Riondino, che propone anche un estratto da La Pia de’ Tolomei, il poema in ottava rima che tratta le disavventure della “malmaritata Pia” in un tenebroso medioevo, reinventato nell’Ottocento da Bartolomeo Sestini prima e dal Niccheri poi.

LA ROCCA DELLA VERNACCIA

Inaugurato lo scorso 2 aprile dal Consorzio della Denominazione San Gimignano in collaborazione con il Comune, il centro, che domina da una posizione incantevole e panoramica la celebre cittadina tra Siena e Firenze – 3 milioni di visitatori l’anno! -  vuole essere – spiega Letizia Cesani, presidente del Consorzio e anima del progetto -  “il luogo dell'esperienza diretta del vino, che non significa solo la degustazione, ma bensì quello della conoscenza e del contatto emozionale con esso da parte del visitatore”.

La Rocca di Montestaffoli è l'ex sede del Museo del Vino Vernaccia di San Gimignano e il nuovo progetto è firmato dall'architetto Piero Guicciardini. Al primo piano quattro sale monotematiche, in cui immagini, luci, suoni, voci, video, ologrammi, visori per la realtà virtuale, raccontano la storia passata, il territorio e la produzione di oggi, dalla vendemmia alla vinificazione della Vernaccia.

Al piano terreno invece il luogo dell'esperienza diretta del vino, la degustazione, ma anche quello più pratico della conoscenza della realtà produttiva grazie ad un monitor touch screen a cui chiedere informazioni sulle aziende e su tutti i prodotti tipici del territorio. Al banco degustazione si trovano a rotazione tutte le etichette di Vernaccia del territorio, venti per ciascuna giornata, servite da sommelier. Mentre per approfondire la conoscenza della Vernaccia vengono organizzati quotidianamente seminari e degustazioni guidate, anche con il coinvolgimento dei produttori.

San Gimignano - Rocca di Montestaffoli - Via della Rocca, 1 – 0577 941267 - larocca@vernaccia.it - aperto da aprile a novembre, orario 11.30-19.30 – ingresso libero - seminari a tema ogni giorno alle ore 12, 16 e 18

Nella stessa categoria:

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it