A TUTTO TEATRO! I migliori spettacoli a Firenze e oltre...

La Settimana in PROSA.

PERGOLA - Da mercoledì 12 a domenica 16 dicembre LA TRAGEDIA DEL VENDICATORE di Thomas Middleton, versione italiana di Stefano Massini, con Ivan Alovisio, Alessandro Bandini, Marco Brinzi, Fausto Cabra, Martin Ilunga Chishimba, Christian Di Filippo, Raffaele Esposito, Ruggero Franceschini, Pia Lanciotti, Errico Liguori, Marta Malvestiti, David Meden, Massimiliano Speziani, Beatrice Vecchione, drammaturgia e regia Declan Donnellan - produzione Piccolo Teatro di Milano.
Donnellan dirige La tragedia del vendicatore di Middleton nella versione italiana di Massini. Dramma di vendetta, ha forti componenti di derivazione medievale nel senso della morte e della corruttibilità della carne, l’affascinato orrore per il peccato, l’uso di personaggi simbolici. Scritta nei primi anni del regno di Giacomo I, tra il dilagare della corruzione e del malcostume, riflette una visione del mondo cupa e disperata.
Teatro della Pergola - Via della Pergola 12/32 - 055 22641 – orario spettacoli: 20.45, dom 15.45 - teatrodellapergola.com

TEATRO STUDIO ‘MILA PIERALLI’ Scandicci - Venerdì 14 e sabato 15 dicembre NEL LABIRINTO. Discorso sul mito di e con Vittorio Continelli, musiche originali Ares Tavolazzi - produzione Fond. Teatro della Toscana - Festival d'Autunno 2018/Progetto Area Metropolitana.
Vittorio Continelli dirige e interpreta Nel Labirinto. Discorso sul mito, un racconto fatto di storie antiche che ancora ci parlano attraverso simboli e nomi che conosciamo tutti: i nomi degli dèi e degli eroi di Grecia, i simboli della civiltà europea e mediterranea. Narrare storie è la ragione per cui si sale sul palco, ascoltare storie, guardare le immagini che evocano e riconoscersi in esse è quella per cui ci sediamo in platea.
Via Donizetti 58, Scandicci - orario spettacoli 21, dom 16.45 - teatrodellapergola.com

VERDI - Da venerdì 14 a domenica 16 dicembre BELLE RIPIENE - Una gustosa commedia dimagrante di Giulia Ricciardi, con Rossella Brescia, Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi, Samuela Sardo, regia Massimo Romeo Piparo.
Un esilarante spaccato di vita femminile dove protagonisti del racconto sono questa volta il cibo e gli uomini: le donne amano mangiare ma poi si costringono a infernali diete dimagranti. Quale l’elemento in comune tra il loro rapporto col cibo e quello con gli uomini? La gustosa commedia dimagrante è ambientata dentro una vera e propria cucina, tra pentole e fornelli.
Teatro Verdi - Via Ghibellina 97 - 055 212320 - orario spettacoli 20.45, dom 16.45 - teatroverdionline.it

PUCCINI - Martedì 11 dicembre OPERA PANICA cabaret tragico di Alejandro Jodorowsky, con Valentina Picello, Loris Fabiani, Matthieu Pastore, Francesco Sferrazza Papa e con i Duperdu (Marta Maria Marangoni e Fabio Wolf, autori e interpreti delle canzoni originali), regia e spazio scenico Fabio Cherstich - produzione Teatro Franco Parenti.
In questa nuova produzione del Teatro Franco Parenti, il regista Fabio Cherstich si mette in gioco con un testo di Alejandro Jodorowsky, il grande scrittore, drammaturgo e regista cileno. Un testo divertente, assurdo, violento e politico sulla ricerca della felicità. Niente moralismi, solo la grande poesia di Jodorowsky. E come in una partitura indisciplinata e visionaria, Cherstich alterna una selezione delle 26 mini-pièce del testo originale a songs philosophique dal sapore brechtiano, piccoli balletti e video-pantomime, originali, colorate, dinamiche, esilaranti.
Giovedì 13 dicembre LE PRÉNOM con Roberto Caccavo, Marcello Sbigoli, Marco Natalucci, Enrica Pecchioli, Vania Rotondi, regia Massimo Alì - produzione Teatro a Manovella.
I cinque commensali di Le prénom, chiamati alla tavolata, sono tra loro gente nota, parenti e amici intimi con contrastanti visioni politiche e sociali e una manciata di confessioni pronte a saltar fuori secondo la classica reazione a catena. Lo spettacolo ispirato all’opera teatrale di Bernard Murat dal titolo “Prenom”, è sofisticamente ingegnato per smascherare e mettere alla berlina una società trincerata dietro pregiudizi e stereotipi sociali, incapace di concedere al prossimo la possibilità di uscire dallo schema e rivendicare liberamente le proprie similitudini, o diversità.
Venerdì 14 dicembre IL CONDANNATO. Cronache di un sequestro reading di e con Ezio Mauro - produzione Elastica.
Dopo il racconto sui cent’anni dalla Rivoluzione Russa con “I due treni. Lenin e lo Zar”, il giornalista propone un nuovo episodio di “cronaca a teatro”: l’omicidio di Aldo Moro. A quarant’anni da quel 9 maggio del 1978, quando il corpo del presidente della DC fu ritrovato morto, Mauro ripercorre in tre episodi le vicende del rapimento, avvenuto la mattina del 16 marzo 1978, i 55 giorni della prigionia in mano a un gruppo appartenente alle Brigate Rosse, fino all’uccisione e al ritrovamento dal corpo di Moro a pochi metri da Piazza del Gesù, sede della Democrazia Cristiana.
Sabato 15 dicembre FAVOLE AL TELEFONO adattamento e regia di Andrea Bruno Savelli, con Diletta Oculisti, Giacomo Bogani e il Fiesole Music Ensemble - produzione Scuola di Musica di Fiesole.
“Le favole al telefono” di Gianni Rodari (1962), sono un vero punto di riferimento nella letteratura infantile. I racconti, ispirati dalla più fervida immaginazione, contengono acuti elementi di critica sociale il cui intento pedagogico è sempre congiunto alla leggerezza della penna di un grande scrittore, che racconta quanto siano importanti il rispetto reciproco, la comunicazione fra generazioni e l’esercizio della fantasia.
Teatro Puccini Via delle Cascine 41 – 055 362067 - Orario spettacoli 21, dom 16.45 - teatropuccini.it - FB: teatro.puccini

RIFREDI - Sabato 15 dicembre ANTROPOLAROID di e con Tindaro Granata - Proxima Res.
Granata racconta di generazioni di nonni, padri, amici, mafiosi, soldati americani, emigrati e della sua Sicilia, dalla quale si allontanò per andare a Roma, diventare attore, fare del cinema… e ritrovarsi a fare il cameriere. Definire Antropolaroid non è semplice, con quel titolo che fonde lo scatto fotografico con la ricerca antropologica, la memoria trattenuta nell’immagine e il racconto tramandato e vissuto. Granata utilizza la tecnica del “cunto” siciliano, che qui viene scomposta e a far rivivere la storia della sua famiglia non è la narrazione in terza persona ma i personaggi stessi.
Teatro di Rifredi - Via V. Emanuele II, 303 - 055 4220361 - orario spettacoli 21, dom 16.30, sab 8 ore 16.30 e 21 - toscanateatro.it

CANTIERE FLORIDA - Venerdì 14 dicembre DOCILE di Gianni Farina e Consuelo Battiston, con Consuelo Battiston e Andrea Argentieri, regia Gianni Farina - produzione Menoventi / E-production.
Linda Barbiani non ha vinto ricchi premi alla lotteria della nascita. I genitori le hanno lasciato in eredità un habitus maldestro e naïf, un marchio di origine che manifesta scarsa familiarità con la cultura e con il pensiero critico. Un giorno l’Ufficio di Collocamento consiglia di frequentare un corso di empowerment e in quel contesto incontra una persona che stimola la sua sensibilità e la sua fantasia: «esprimi un desiderio». Qui comincia la storia, una fiaba dei nostri tempi in cui anche i desideri degli sfigati possono avverarsi.
Teatro Cantiere Florida - Via Pisana 111r – 055 7135357 - orario spettacoli 21, dom ore 16.30 - teatroflorida.it

TENAX THEATRE - Giovedì 13 dicembre “Con gli occhi appuntiti per sentire bellezza - Digital Gallery” con azioni e installazioni delle opere degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, sonorizzazioni live degli allievi musicisti del Conservatorio L. Cherubini di Firenze. Un progetto di Giancarlo Cauteruccio e Massimo Bevilacqua con la collaborazione dei docenti
II edizione – “Spazio immersivo delle arti della scena e del corpo”: musica, danza, teatro, performing art - Tenax - Via Pratese 46 (in autobus: Linee 29 e 30) - info Teatro Studio Krypton 055 2345443 - Orario spettacoli 21.30 - teatrostudiokrypton.it

CESTELLO - Sabato 15 e domenica 16 dicembre BALOCCHI E CARBONE di e con Claudia Cecchini, Lucia Agostino, Valentina di Stefano  - Le Signorine trio vocale italiano - direzione musicale e arrangiamenti Francesco Giorgi.
Balocchi e Carbone è un vero e proprio varietà natalizio che racconta il Natale in tutte le sue sfaccettature. Attraverso canzoni leggere e ironiche Le Signorine trasportano il pubblico in un viaggio tutto italiano, fino a scoprire le origini del Natale e le sorprese che può rivelare. E voi, riceverete Balocchi o Carbone? L’allestimento dello spettacolo, i costumi e gli accessori di scena sono ricercatamente vintage e curati nei minimi dettagli. Lo spettacolo è rigorosamente cantato e suonato dal vivo.
Teatro di Cestello - Piazza Cestello, 4 - 055 294609 - orario spettacoli 20.45, dom 16.45, sab 8 ore 16.30 - teatrocestello.it

SPIAGGE - Sabato 15 e domenica 16 dicembre QUASI NATALE scritto da e regia Francesco Lagi, con Anna Bellato, Francesco Colella, Silvia D’Amico, Leonardo Maddalena - Teatrodilina.
Tre fratelli, una madre, un segreto. Una casa e l’atmosfera agrodolce delle feste. E una ragazza misteriosa e al contempo familiare, capace di risvegliare un passato dimenticato. Dopo i successi di “Le vacanze dei Signori Lagonia” e “Il bambino dalle orecchie grandi”, Teatrodilina torna al Teatro delle Spiagge con la chirurgica analisi della quotidianità di una famiglia e del suo grumo di rapporti mai del tutto risolti.
Teatro delle Spiagge - Via del Pesciolino (trav. di Via Pistoiese) I°piano Conad – 055310230/329 4187925 – orario spettacoli 21, dom ore 18 - teatridimbarco.it

MANZONI CALENZANO - Sabato 15 dicembre AMLETO TAKE AWAY uno spettacolo di e con Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari - musiche Davide Berardi e Bruno Galeone - Compagnia Berardi Casolari - prima regionale
Una riflessione ironica e amara che nasce dall’osservazione e dall’ascolto della realtà circostante, che ci attrae e ci spaventa. Afferma Berardi: «Tutto è schiacciato fra il dolore della gente e le temperature dell’ambiente, fra i barbari del nord e i nomadi del sud. Le generazioni sono schiacciate fra lo studio che non serve e il lavoro che non c’è, fra gli under 35 e gli over 63, fra avanguardie incomprensibili e tradizioni insopportabili... In questo percorso si inserisce, un po’ per provocazione, un po’ per gioco meta-teatrale, l’Amleto di Shakespeare. Amleto, simbolo del dubbio e dell’insicurezza, icona del disagio e dell’inadeguatezza, è risultato, passo dopo passo, il personaggio ideale cui affidare il testimone di questa indagine». BIGLIETTI OMAGGIO CON FIRENZE SPETTACOLO! > 055 212911
Teatro Manzoni - Calenzano – Via Mascagni 18 (salvo diversa indicazione) - info e prenot 055 8877213 - Orario spettacoli 21.15, festivi 16.30 - teatrodelledonne.com

FABBRICHINO Prato - Da martedì 11 a domenica 16 dicembre SICILIA testo e interpretazione Clyde Chabot, traduzione Camilla Brison - produzione Teatro Metastasio di Prato, La Communauté inavouable con il contributo di Institut français di Firenze.
Con Sicilia, la drammaturga e regista francese Clyde Chabot cerca di ricostruire la storia della sua famiglia seguendo le orme dei suoi antenati, emigrati dalla Sicilia verso la Tunisia e la Francia. Ospite attorno ad un grande tavolo, il pubblico condivide con l'autrice e interprete la sua storia, che riflette quella dell'immigrazione italiana e tutte le domande insite in essa.
Teatro Fabbrichino, Via Targetti 10/8 –info 0574 608501 - orario spettacoli ore 20.45, sab 19.30, dom 16.30 - metastasio.it

POLITEAMA PRATESE - Sabato 15 e domenica 16 dicembre IL BARBIERE DI SIVIGLIA “Commedia Musicale Pop” da Beaumarchais, adattamento e regia Sandro Querci, organizzazione Barbara Gualtieri, con Sandro Querci, Gea Andreotti, Rosario Campisi, Andrea Bacci, Silvia Querci, Elena Talenti, Elena Mancuso - Walters Produzioni - prima nazionale.
Uno spettacolo nuovo, inedito nella forma e nell’allestimento, pur rimanendo intatti i contenuti della vicenda narrata in prosa da Beaumarchais. L'autore francese ci racconta delle vicende del Conte Almaviva in una splendida trilogia: “Il barbiere di Siviglia”, “Le nozze di Figaro” e “La madre colpevole”. La commedia nasce nel 1772, Gioacchino Rossini nel 1816 ne racconta le gesta in chiave lirica. In questo nuovo spettacolo si trovano spunti e personaggi anche dai due episodi successivi suddetti, a rendere ancora più curiosa la vicenda dell'amore anelato tra Rosina e Almaviva.
Teatro Politeama Pratese - Via G. Garibaldi 33, Prato - 0574 603758 - orario spettacoli 21, dom 16 - politeamapratese.com

LA CITTÀ DEL TEATRO E DELLA CULTURA Cascina - Venerdì 14 dicembre in Sala Grande: ROSAURA libero adattamento dell’opera “La vida es sueño” di Pedro Calderón de la Barca, adattamento, regia e interpreti Paula Rodriguez, Sandra Arpa - Teatro Inverso.
Partendo dall’opera di Calderón de La Barca “La vida es sueño”, viene affrontato il testo dal punto di vista di Rosaura, uno dei personaggi femminili più interessanti del Siglo de Oro. Rosaura è la vera forza trainante per il cambiamento nella storia, rappresentando il bisogno di trovare un’identità in un sistema sociale nel quale la figura femminile è offuscata e sottomessa all’uomo.
Sabato 15 dicembre nel Ridotto: LUNGS di Duncan Macmillan, traduzione Matteo Colombo, con e regia Federico Zanandrea e con Francesca Fioretti - Teatro Delfino.
Lungs (in italiano “polmoni”) è una pièce semplice, come respirare. Duncan Macmillan disegna con questo testo un ritratto attuale e ironico di una storia d’amore qualunque, spiazzante e brutalmente onesta, divertente e tagliente: le voci di una generazione per la quale l’incertezza è un modo di vivere, un ambiente liquido in cui fluttuare in due.
Cascina (Pi) - Via Tosco-Romagnola 656 – 345 8212494 - Orario spettacoli 21 - lacittadelteatro.it

Nella stessa categoria:

mercoledì 05 settembre 2018

Teatro Urbano

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it