7 mostre per 7 città

Picasso, Tintoretto, Chagall e gli altri... Cosa vedere, oltre la Toscana, nel vostro weekend d'Autunno in giro per l'Italia.

E' in arrivo l'Autunno, periodo dell'anno che ci fa venire in mente i funghi porcini, il cambio armadi, le foglie che cadono dagli alberi e... il weekendino fuori porta! E se quest'anno avete deciso di spingervi oltre i confini regionali (ma non troppo) ecco le mostre da non perdere se vi trovate in una di queste città.

ROMA - Partiamo dalla Capitale che, nonostante tutto, rimane tra le mete più gettonate per una gita dalla mattina alla sera o per un fine settimana. Il Colosseo, i Fori Imperiali, il Pantheon... luoghi eterni che non ci stancheremmo mai di visitare. Se però preferite qualcosa di diverso, di un po' più contemporaneo, vi consigliamo di fare un salto al MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO (Via Guido Reni 4a) che ospita fino al 17 febbraio al mostra THE INDEPENDENT - NESXT, dove la parola NESXT nasce dall’unione delle parole NET – rete, NEST – nido e NEXT – futuro, e già questo definisce l’identità di questa piattaforma di incontro, rete internazionale di arte, cultura e innovazione, incubatore di idee aperto a tutti i linguaggi artistici, protagonista del secondo appuntamento dell’anno del programma THE INDEPENDENT, curato da Elena Motisi e dallo stesso gruppo di NESXT.

VENEZIA - Altra perla del nostro Bel Paese, nonchè metà privilegiata del turismo mordi e fuggi. Quest'anno ricorrono i 500 anni dalla nascita di Tintoretto e la sua città gli dedica un grande percorso espositivo che si divide in tre momenti e tre luoghi: il primo alla Scuola Grande San Rocco (San Polo 3054), dove il pittore spagnolo Jorge R. Pombo rende omaggio al Maestro del Rinascimento veneziano con un dipinto di 4 x 5 metri che reinterpreta in modo inedito “La strage degli innocenti”, capolavoro realizzato tra il 1582 e il 1587.  L’opera dell’artista catalano resterà in esposizione per oltre 4 mesi a fianco dell’originale (4 settembre-15 gennaio). A Palazzo Ducale (piazza San Marco) il fulcro delle manifestazioni, con la mostra Tintoretto 1519-1594. 50 dipinti e 20 disegni autografi di Tintoretto, prestati dai grandi musei internazionali, unitamente ai famosi cicli realizzati per Palazzo Ducale tra il 1564 e il 1592, visibili nell’originaria collocazione (7 settembre-6 gennaio). Infine le Gallerie dell''Accademia ospitano Il Giovane Tintoretto, che ripercorre il primo decennio di attività. Della circa 60 opere esposte, 26 sono dipinti dello stesso Tintoretto (6 settembre-6 gennaio)

MILANO - La più europea tra le città italiane, storicamente famosa per la moda, gli affari e il Salone del Mobile. Il capoluogo lombardo continua a stupire anche in ambito culturale con la mostra Picasso Metamorfosi in programma dal 18 ottobre al 17 febbraio a Palazzo Reale (Piazza Del Duomo 12), dedicata al rapporto multiforme e fecondo che il genio spagnolo ha sviluppato, per tutta la sua straordinaria carriera, con il mito e l’antichità (mostrapicassomilano.it)

GENOVA - A Palazzo Ducale (Piazza Giacomo Matteotti 9) il capoluogo ligure dedica al "suo" Niccolò Paganini una grande mostra (19 ottobre-10 marzo) con l’intento di raccontare, attraverso una narrazione contemporanea, curiosa e multimediale, la figura del musicista che ha profondamente rivoluzionato la musica del suo tempo, lasciandone emergere tutta la modernità. Talentuoso, istrionico, amante degli eccessi, sempre lontano dalle convenzioni, Paganini non è stato soltanto uno dei più grandi violinisti esistiti, compositore, tra l’altro, dei celebri Capricci per solo violino.

TORINO - La città che più di tutte ha saputo evolversi negli ultimi decenni. Dicevi Torino e dicevi Fiat o Juve, oggi dici Torino e ti vengono in mente festival musicali di respiro internazionale, un Festival del Cinema di tutto rispetto, per non parlare del Salone del Libro e in generale un centro di aggregazione per chi ama la comunicazione e le arti visive ma non solo. In questo contesto si colloca la mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co che ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. Oltre a Warhol e Schifano, alla Camera Centro Italiano per la Fotografia (Via delle Rosine 18) opere di Rauschenberg, Rotella, Pistoletto, Mulas, Hockney, Angeli solo per citarne alcuni (21 settembre-13 gennaio).

REGGIO EMILIA - Sicuramente non tra le principali mete turistiche del nostro paese, Reggio vanta una tradizione culturale che poco ha da invidiare ad altre realtà ben più note. Qui si svolgono ogni anno eventi di importanza internazionale come il Festival Fotografia Europea o il Festival Aperto, kermesse dedicata a musica, danza e arti performative. Altro vanto della città è Palazzo Magnani (Corso Garibaldi 29) sede espositiva tra le più gettonate dagli addetti ai lavori e che quest'anno celebra Jean Dubuffet (1901-1985), uno dei maggiori pittori del Novecento, protagonista dell’Informale. La mostra, dal titolo L’arte in gioco. Materia e spirito 1943-1985 (17 novembre-3 marzo), ne illustra la figura di genio universale e multiforme, esplorando i numerosi cicli creativi, le vaste ricerche, le sperimentazioni tecniche inedite e originali.

MANTOVA - Se ve lo siete perso a Milano lo scorso anno e non siete mai stati a Mantova ecco l'occasione giusta: in concomitanza con il Festivaletteratura, Palazzo della Ragione ospita la mostra Marc Chagall. Come nella pittura così nella poesia, dedicata ail pittore che insieme a Picasso e Robert Delaunay ha forse ispirato il maggior numero di poeti, scrittori e critici militanti del Novecento (4 settembre-13 gennaio - chagallmantova.it).

Nella stessa categoria:

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it