Cerca

Risultati per: cucina gourmet

Bistrot 84Rosso: Scommessa Gourmet in Borgo Ognissanti

Nicola Langone, non pago delle soddisfazioni raccolte dal suo Gunè in San Frediano (in pochi anni segnalato nella Guida Michelin) ha deciso di raddoppiare. Dopo qualche mese di rodaggio ecco pronto alla prova dell’autunno (che è sempre caldo!) la #fase2 del suo nuovo locale, il Bistrot 84 Rosso. L’ambiente è abbastanza contenuto, circa una ventina di coperti, piuttosto moderno, dalle geometrie optical tra bianco, nero e qualche punta di giallo.

Il bistrot è affidato a un giovane cuoco, Matteo Longhi, formatosi alla scuola di chef affermati come Pino Cuttaia e Vito Mollica. La sua cucina è davvero avantgarde, mossa innanzitutto da una passione sincera per uno stile innovativo che affonda le radici nella ricerca e nell’interpretazione della storia della cucina da una parte e nella natura e dei suoi prodotti dall’altra. Con un bel bagaglio tecnico affronta questa sfida, quindi aspettatevi tanta creatività e sperimentazione abbinata a prodotti a km zero, stagionali. Tutto con un tono decisamente internazionale, assai raro in città. Con due menù: omnivore e veggie, ciascuno ispirato da una serie di alimenti, può essere uno scampo, il polpo, l’agnello, oppure i piselli, il finocchio, la carota… Insomma davvero una bella sfida!

ALCUNI PIATTI PROVATI

Antipasto: Ceviche di pomodoro
Prima Portata: Ravioli di rane con lime nero e prezzemolo
Seconda portata: Agnello con chermoula e curry
Dolce: Labneh con cioccolato bianco e olivello spinoso

Per scoprirlo e apprezzarlo al meglio si annuncia a settembre un programma di eventi dedicati al mondo del Vino: aperitivi e cene che scandiranno i giovedì del mese. Date e modalità di prenotazione, con gli argomenti delle serate, online sul sito del locale e anche su firenzespettacolo.it

BISTROT 84 rosso
Borgo Ognissanti, 84, 50123 Firenze - Bistrot84r.it - 055 7964289
IG: @bistrot84rosso  FB: @bistrot84rosso



Prima la Materia - INTERVISTA CHEF: Matteo Longhi

Siamo al Bistrot 84 Rosso in Borgo Ognissanti. Dove abbiamo scoperto una cucina avantgarde che ha un piede a Parigi, uno sguardo in oriente, ma fa la spesa a Firenze! Autore del progetto Nicola Langone, ristoratore lucano di lungo corso noto per l’apertura alcuni anni fa di Gunè in San Frediano, ristorante raccontato in più occasioni sulle nostre pagine e velocemente premiato anche dalla menzione sulla Guida Michelin. 

Il nuovo Bistrot è diverso, anche se, come l’affermato ascendente, scommette su una cucina molto innovativa. Il locale è piccolo, raccolto nella sala ingresso, atmosfera intima e contemporanea. La cucina è affidata a Matteo Longhi, la sala a Nenad Ametovic. Entrambi giovanissimi ma già ricchi di esperienze qualificate. Una boutique del buon gusto dove ci aspetta un menù originale in due versioni, “omnivore” e “veggie”. 

Abbiamo incontrato Matteo, classe 1995, i primi passi in cucina nel 2016 e da lì non si è più fermato, arrivando a lavorare in alcuni dei migliori ristoranti in Italia e all’estero.

Bistrot 84: la Vostra cucina spiegata con poche parole semplici a chi non vi conosce…

Le prime parole che mi vengono in mente: materia prima, gusto e creatività.

Il vostro “piatto forte”, la vostra “specialità”…
Di piatti forti ne abbiamo più di uno, ma tra chi li ha assaggiati, uno su tutti è il cavolfiore, piatto vegano dalle molteplici sfaccettature.

La pietanza che preferisci lavorare.
I vegetali.

Il vostro piatto più difficile da realizzare, ma di maggior soddisfazione.
Per complessità di sapori e preparazioni direi il nostro coniglio con pinoli, pompelmo nero e Nduja.

Un ingrediente o un piatto sopravvalutato? 
Penso alla combinazione burrata con pistacchio.

Un ingrediente o un piatto sottovalutato? 
Ce ne sono tanti, ma direi pesce d’acqua dolce.

A cena con un buon vino.
Un ottimo Sivi Pinot Grigio in abbinamento alla nostra sogliola, con Caviale Baerii e nocciola. Accoppiamento perfetto.

In breve, facci venire l’acquolina in bocca, raccontandoci i piatti salienti del menù di questa stagione.
Il nostro scampo con Koji e latte di mandorla, un’esplosione di umami: la delicatezza della sogliola unita alla sapidità del caviale, per non parlare della carota o dei passatelli. Insomma, se oltre la solita cena, volete un’esperienza passate a trovarci!

A cena a Firenze in un altro ristorante… Chi?
Chic Nonna di Vito Mollica senza ombra di dubbio: location, servizio, ospitalità totale.

A cena in Toscana in un altro ristorante… Chi?
Osteria Ancestrale a Bolgheri: natura, creatività, e menù vegetariani letteralmente Km0, quello vero.

BISTROT 84 ROSSO
Borgo Ognissanti 84r – 055 7964289 – aperto per cena (chiuso mar)


Casa Barone: Un Bistrò-Boutique!

È il nuovo concept che si scopre in un angolo insolito di Sesto, un'oasi di design che desta stupore e curiosità. Grandi vetrate griffate col simbolo di Barone, una istituzione della pelletteria e moda fiorentina, che ha mantenuto alta la sua qualità e artigianalita' cogliendo le tendenze e i cambiamenti del settore. E chissà che questo loro nuovo concetto di locale non apra la strada ad un nuovo trend.

Nato nel pieno della pandemia da una chiacchierata tra Luciano Tisi e Massimo Romolini che hanno voluto unire le proprie esperienze in questo innovativo bistro-boutique. Dalle parole ai fatti. All'esterno una rigogliosa urban jungle: palme, banani, luci suggestive che scaldano l'atmosfera serale, spesso accompagnata da musica dal vivo. Un dehors glam accoglie con gusto lounge e da qui arriviamo all'interno dove pareti Savage Glam incorniciano il Bistrot che si fonde con la boutique. Nuova collezione e pezzi unici da osservare mentre si gusta un cocktail o o si cena. Anima non trascurabile del locale è la squadra, tutta al maschile: giovani bartender e camerieri dal gusto hipster, guidati dal timoniere Luciano, un sorriso che conquista per guidarvi tra selezioni di etichette e innovative mixology (un esempio? "cambio colore scelgo viola": gin - infuso di butterfly pea - sciroppo di zucchero – limone). Da provare.



Ma veniamo al pezzo forte, la cucina dello Chef Stefano Loardi. Mano d'artista e notevole tecnica, con gusto (moderato) dell’innovazione e passione per le cucine del mondo, da cui estrae ispirazione e creatività con materie prime eccellenti. Noi ci siamo affidati al “percorso al buio” dello Chef, spaziando dal salmone Glovlax scandinavo con barbabietola e yogurt al petto d'anatra con miele e lavanda agli spaghettoni con tartare di gambero blu e burrata; dai cappellacci su crema di riso allo zafferano ripieni di brasato a una rivisitazione del risotto alla milanese che conquista al primo boccone. Ed ancora tartare di fassona con nocciole, Carrè di cinghiale con coulis di Guinness e cece nero, e il Gado Gado di Tonno, trancio con arachidi, latte di cocco e mix di carote e cipollotto per un tuffo in Thailandia. Dulcis in fundo Barone's Gentleman, un sigaro di cioccolato con panna affumicata al whisky e vaniglia; o Namelaka, cremoso al cacao con frutti di bosco e riso soffiato.



Concept, atmosfera, gusto e la spensieratezza di un ambiente informale ma glam.

Giulia Maria Ricci

CASA BARONE
Sesto Fiorentino – via degli Olmi 65 – 055 0495968 – aperto 12:30 15:30 / 18 01 – sab 18-02 (chiuso dom) baronebistrot@baronefirenze.it

RISTORANTI DA SCOPRIRE: Che cena sulla Riva

Via dalla pazza folla, lontano dal rullio dei trolley, dalla caldazza afosa, a cena nel fresco-fresco di un giardino quasi segreto.... l’indirizzo da scoprire o meglio riscoprire in questi mesi è il ristorante Riva Kitchen, che si dispiega sull’incantevole giardino con piscina del Riva Loft, l’hotel di charme sulla riva sinistra dell’Arno, che fronteggia l’inizio del parco delle Cascine, leggermente defilato, realizzato dall’architetto fiorentino Claudio Nardi, un elegante “rifugio urbano” vincitore di diversi premi tra cui il prestigioso “best hotel” del mensile britannico Wallpaper.

Guidato dallo chef Michele Berlendis – un toscano che ha lavorato all’estero e poi al fianco di chef stellati come Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati) e Erez Ohayon – propone un menù contenuto ispirato dalle stagioni: contrasti, sapori decisi, ingredienti semplici con accostamenti talvolta insoliti, cibi sostenibili per una alimentazione consapevole. Più una interessante selezione di vini italiani.
Il resto lo fa l’atmosfera, davvero incantevole: ambienti design, effetti inaspettati, tra stile metropolitano e relax domestico. Super per cene romantiche, rilassante per stare con amici, indicatissimo per un evento privato!

PIATTI DA PROVARE
Mousse di fegatini su pan di ramerino, nocciole I.G.P del Piemonte tostate e aceto di mele 20 anni
Caprino bio di Monte Giovi caramellato, zucchine in scapece e il loro fiore fritto, balsamico di Modena tradizionale
Baccalà in olio cottura su crema di ceci, cialda di ceci e trito di capperi, olive e pomodorini secchi.

Tagliatelle con ragù espresso di coniglio marinato, pomodori confit e pecorino di fossa
Maltagliati con pistilli di zafferano, crema di piselli freschi, piselli bruciati e stracciatella
Tagliolini al nero di seppia con gamberi del Mediterraneo, fagioli cannellini, zest di limone e bottarga di Muggine

Burrata del Mugello, pomodoro cuore di bue, purea di melanzane affumicata e chips di pane
Tartara di manzo con uovo di Arcetri pochè, pepe di Kampot e cipolla caramellata
Polpo alla griglia, patate schiacciate alla menta, emulsione di peperone giallo e crema di olive nere

Mousse di cioccolato fondente con olio alla menta e cristalli di sale
Semifreddo di ricotta e cioccolato con fragole di Mosciano e la loro
Crema bruciata con rosmarino e arancia

RIVA LOFT & KITCHEN
Via Baccio Bandinelli 98 - 055 7130272 @rivalofts_florence – Riva Kitchen da mar a ven a cena, di inverno dom anche a pranzo info@rivalofts.com - www.rivalofts.com – facilità di parcheggio - €€



site map